GLI SPETTATORI ERRANTI ARRIVANO IN VALDARNO

12607379_10208666551251332_1951624954_nIl progetto “Spettatori erranti”, promosso dalla Rete teatrale aretina con il contributo di Mibac, Regione Toscana e Provincia di Arezzo e che negli anni ha creato una comunità di spettatori curiosi, viene realizzato anche in Valdarno, in collaborazione con le compagnie Diesis Teatrango e Kanterstrasse Teatro. Il gruppo di spettatori si muove attraverso i teatri della provincia per scoprire gli spettacoli più originali, le proposte più innovative, scoprire nuove drammaturgie, linguaggi inusuali, danza, teatro di narrazione, teatro di figura e conoscere attori, registi, autori nei piccoli ma preziosissimi teatri del Valdarno. Lo spettatore diventa il protagonista di questa esperienza, in quanto attivo e consapevole nella scelta, nella visione degli spettacoli e nella conversazione con gli artisti.
È un viaggio a tappe. Ogni spettacolo è l’occasione per conoscere gli scenari della scena teatrale contemporanea. Gli spettacoli saranno preceduti o seguiti da incontri dove si potranno scambiare le proprie idee ed impressioni, che verranno poi raccolte in un blog su Valdarnopost. Un percorso divertente da fare insieme per avvicinare il pubblico a un teatro che sperimenta nuove forme espressive. Insieme agli “Spettatori erranti” si è affiancato un altro progetto parallelo che li lega ad una formazione alla visione di spettacoli teatrali dedicata ai più giovani. Sono avvenuti infatti degli incontri con alcune classi del Liceo Scientifico Benedetto Varchi di Montevarchi che li hanno stimolati e sensibilizzati in occasione dello spettacolo di Marco Baliani. Grazie a questo gruppo il teatro diventa un luogo più familiare in cui lo spettatore si sente partecipe, tenendolo in vita come uno spazio democratico dove andare non solo per applaudire passivamente, ma per farsi un’opinione. Un buon modo per rendere il teatro centro vivo e vitale nella realtà pubblica del territorio Valdarnese.

Filippo Mugnai e Lorenzo Lori

Precedente San Valentino: pro o contro? Tra storia e attualità Successivo IO NON HO PAURA!