LE DIECI PAROLE: GUIDA PRATICA PER LA VITA

La prima esperienza legata a questo particolare percorso nasce a Roma circa 20 anni fa con Don Fabio Rosini, come proposta di catechesi sia per giovani che per adulti.
Il filo conduttore sono i Dieci Comandamenti a partire dai quali gli incontri settimanali intendono affrontare tutte le dimensioni essenziali della vita umana.
I Dieci Comandamenti, o meglio le Dieci Parole, si presentano come una sorta di “libretto delle istruzioni” per il buon funzionamento della nostra esistenza sulla terra.
Contro ogni approccio moralistico e volontaristico, il linguaggio del corso annuncia un Dio amante dell’uomo di cui Egli ne rivela e ricorda la bellezza.
Abbiamo intervistato Lisa, una giovane mamma di Montevarchi che ha deciso di farsi coinvolgere in questa nuova ed intensa esperienza.

Cosa ha significato seguire questo corso?
Mi sono “buttata” nel percorso delle Dieci Parole pensando che fosse semplicemente una serie di conferenze sui Dieci Comandamenti. Non immaginavo fosse un percorso ma, una volta iniziato, ho capito che poteva essere una bella esperienza.

L’esperienza si è subito rivelata utile o i suoi frutti sono arrivati solo in seguito dopo aver ragionato su quanto fatto e detto agli incontri?
Non so se sia stata un’esperienza utile e se abbia portato frutti… so che ho sentito parole che suonavano come nuove anche se venivano da tempi così lontani. Per questo ho deciso di continuare il percorso che piano piano si rivelava un appuntamento importante… portava sempre scoperte nuove su ciò che era intorno a me e sulla mia vita.

Quali sono stati gli spunti acquisiti da applicare alla vita di tutti i giorni?
Difficile da spiegare… è un percorso di scoperta in cui ci si trova ad affrontare tematiche così vicine alla vita di tutti i giorni. Non importa l’età che si ha quando si partecipa alle Dieci Parole ti vengono proposte “parole” di vita che parlano per ogni persona, ciascuna in base alla su esperienza, e ti ritrovi a riflettere su cose che magari davi per scontato o che consideravi passate.

In relazione alla propria occupazione (lavoro/studio) e alle persone che si hanno intorno ogni giorno (famiglia/amici/fidanzato/a) cosa è cambiato dopo aver seguito il corso? Cosa è cambiato?
Forse sarebbe da chiedere alle persone che mi stanno accanto! O forse non è cambiato niente… I nostri tempi non sono i Suoi. Di sicuro da questo percorso si torna con la consapevolezza che tutti noi abbiamo ancora da crescere, da scoprire, da capire… se si ha l’umiltà e la voglia di mettersi in gioco e di scoprire cosa ancora, di nuovo, il Signore ha da dirci.

Cosimo Rossi

Precedente Quando l'arte incontra la politica: Ai Weiwei a Firenze Successivo Le Reti della Carità